top of page
  • Immagine del redattoreAL C.B Di Tramellino & Niro

Arredamento: Stile hi-tech Consigli

Introduzione:


Come arredare in stile hi-tech


Lo stile hi-tech deriva probabilmente da una corrente architettonica chiamata appunto “hi-tech” , nata negli anni ’70 e ispirata agli ambienti e ai materiali industriali. Sceglierlo per la propria casa significa avere le idee molto chiare. L’hi-tech è infatti di uno stile molto ben definito, che abbraccia una macrocategoria più ampia, che è quella dello "stile contemporaneo", ma che ne acquisisce solo alcuni particolari tratti.



COS’È LO STILE D’ARREDO HI-TECH

Oggi lo stile d’arredo hi-tech è frutto anche di un’altra immancabile componente: l’innovazione tecnologica, da cui in fondo prende il nome, una conquista sempre più evidente e alla portata di tutti, che mira a rendere la vita sempre più confortevole.

Lo stile d’arredo hi-tech quindi è improntato a tutto ciò che


è innovazione, contemporaneità, tecnologia, comfort: dai materiali agli elettrodomestici, dagli impianti ai sistemi tecnologici integrati, la casa in stile hi-tech si caratterizza subito, al primo impatto visivo ma soprattutto al primo impatto funzionale ed emozionale. Perché la prima parola d’ordine di questo stile è la praticità, una praticità finalizzata alla comodità estrema e al profondo senso del vivere la casa in armonia, benessere e minimo sforzo.




Tutto in casa deve essere ordinato, situato nel posto giusto, facile da pulire, difficile da sporcare e soprattutto in casa tutto deve essere efficiente: dalla lavastoviglie all’impianto di riscaldamento, dalla domotica al televisore, tutto deve offrire scenari e situazioni estremamente piacevoli da vivere. Questo è il concetto alla base di uno stile hi-tech. Esteticamente, lo stile si riconosce per la scelta di materiali, forme e colori, ispirati anch’essi all’era appunto industriale e tecnologica.




FORME E SISTEMAZIONE


In linea di massima le forme che caratterizzano uno stile hi-tech sono lineari e regolari. Ma è ammessa anche l’irregolarità, purché risulti pulita e priva di fronzoli. Infatti le forme degli arredi nello stile hi-tech sono nette e decise; per lo più squadrate, ma in ogni caso ben definite. Gli arredi devono essere ben organizzati anche all’interno, per permettere ordine e pulizia ovunque, e devono essere previsti efficaci sistemi per mimetizzare fili e prese elettriche, in grado di poter essere rimossi ogniqualvolta la casa necessiti di ulteriori innovazioni.




IMPIANTI NELLO STILE HI-TECH



Un perfetto stile hi-tech prevede più di tutto impianti ed elettrodomestici all’avanguardia. Ad esempio per l’impianto di riscaldamento, le ultime tecniche tra l’altro in accordo con ecologia e risparmio energetico, sarebbero l’ideale: pannelli solari, pannelli fotovoltaici, etc. L’impianto elettrico, con illuminazioni all’avanguardia e in posizioni strategiche, deve essere integrato con un impianto domotico in grado di controllare tutti i dispositivi elettronici e di comandarli a distanza.


Anche la presenza di sistemi di videosorveglianza e di antieffrazione elettronici devono essere integrati con l’impianto domotico. La cucina deve essere tecnologica e multimediale, anch’essa integrata con il sistema domotico. Sistemi audio-video di ultima generazione completano poi la dotazione di una casa hi-tech, tra televisori, casse, lettori multimediali e hi-fi. Si tratta indubbiamente di uno stile che pretende un costante aggiornamento e anche una disponibilità economica non indifferente, che denota un certo status.


COLORI DELLO STILE HI-TECH


Se per l’arredamento lo stile hi-tech può risultare abbastanza “soggettivo” (con l’unica caratteristica imprescindibile dell’innovazione tecnologica), per quanto riguarda i colori lo stile hi-tech è piuttosto rigoroso e ricorda un po’ lo stile minimale. I colori preferibili per uno stile hi-tech sono:


  • scale di grigi, partendo proprio dal grigio dell’acciaio e del cemento

  • bianchi

  • scale dei colori sabbia

  • nero


ELEMENTI DELLO STILE HI-TECH


In ogni caso, gli elementi distintivi dello stile d’arredo hi-tech sono dunque:


  • Materiali industriali e innovativi, per rivestimenti e arredi

  • Presenza di elettrodomestici ad alte prestazioni

  • Impianto elettrico e di riscaldamento all’avanguardia

  • Impianto domotico

  • Sistemi tecnologici avanzati e ben integrati nell’arredamento

  • Attenzione all’ecologia, con sistemi, apparecchi e impianti a basso impatto energetico, al passo con l’innovazione tecnologica

  • Perfetto ordine e linearità delle forme

  • Colori per lo più neutri, affini ai materiali industriali

  • Assenza di decorazioni; unica eccezione per le decorazioni in linea con l’innovazione tecnologica, come serigrafie o stampe digitali

  • Grande attenzione alla luce e all’illuminazione, perché ogni angolo della casa deve avere la sua importanza e la luce è un elemento d’arredo importante

Dinamicità ed evoluzione: la casa hi-tech, essendo all’avanguardia in tema tecnologico, è anche sempre aperta ai cambiamenti, e quindi è in costante mutamento. Si rinnova spesso. Le forme che caratterizzano questo tipo di arredamento sono per lo più lineari e regolari ma possiamo trovare anche qualche irregolarità salvo che questa appaia pulita e priva di accessori inutili. Parliamo quindi di forme ben definite e squadrate che permettano una facile e rapida pulizia. Una casa in stile hi-tech deve essere dotata di sistemi tecnologici all’avanguardia ma tutti i fili e le prese elettriche devono essere nascosti da delle strutture di mimetizzazione. Per quel che riguarda la sistemazione degli arredi non vi sono delle regole ben precise. Questo stile si adatta bene anche ad ambienti piuttosto piccoli per una serie di sofisticati sistemi salva spazio.


3 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

コメント


bottom of page